Idee, progetti, laboratori e costruttive “chiacchiere da bar” condite da qualche discussione e da un’irrinunciabile aria scherzosa! Questo, in poche parole, il menù di “Bar Sport”: uno spazio aggregativo rivolto a ragazzi con difficoltà. Il progetto è nato per offrire un luogo in cui incontrarsi. Grazie alle persone che vi partecipano però, è diventato qualcosa di più: uno spazio da far proprio e da curare, un luogo dove sperimentarsi in gruppo, dove costruire obiettivi comuni e individuali. Età, motivazioni e sogni diversi ma con tratti comuni e voglia di stare insieme.

Perché “Bar Sport”?

BAR perché è un luogo di aggregazione informale: c’è chi parla poco ma ascolta, c’è chi racconta di sé, chi si lamenta per qualcuno o qualcosa, e chi ama trasmettere le sue passioni. SPORT perché ci piace credere in qualcosa, avere fiducia in noi stessi e nella squadra, desideriamo partecipare, vincere e anche perdere se siamo supportati dal gruppo.
Ci ritroviamo molto nella prospettiva di Stefano Benni, come emerge nel suo Libro “Bar Sport”, per la naturalezza con cui trasforma storie comuni in commedie, capaci di trasmettere molto di più di quel che appare da un primo fugace sguardo.

  • la “casina”

  • letture attorno al fuoco

“Non insegnate ai bambini, non indicate per loro una via conosciuta, ma se proprio volete …insegnate soltanto la magia della vita.” (Giorgio Gaber)

A Rimini: Lunedì – Mercoledì – Venerdì ore 15.30 – 18.30
A Morciano: Martedì e Giovedì ore 15.00 -18.00
A Riccione: Sabato ore 15.30 – 18.30  (Marzo, Aprile e Maggio)

* In questo progetto gli utenti sono individuati dai referenti dell’Ass. Esplora in collaborazione con i referenti dei Servizi Sociali